Loading...

News

Fondazione Archeologica Canosina
Home / News / A Canosa di Puglia la seconda tappa de “Gli Stati Generali della Murgia”

A Canosa di Puglia la seconda tappa de “Gli Stati Generali della Murgia”

15/07/2015
  • A Canosa di Puglia la seconda tappa de “Gli Stati Generali della Murgia”

Il 17 luglio si parla di valorizzazione di beni culturali nell’auditorium della biblioteca comunale

Secondo appuntamento con Gli Stati Generali della Murgia, il ciclo di convegni itinerante che affronterà le principali tematiche della prossima programmazione europea.
Dopo il proficuo appuntamento sullo sviluppo partecipativo nelle aree interne del 18 giugno a Poggiorsini, l’informazione partecipata del GAL Murgia Più fa tappa a Canosa di Puglia.
Sarà la biblioteca comunale ad ospitare, venerdì 17 luglio dalle ore 17.30 alle ore 20.30, l’incontro sul tema "Valorizzazione di beni culturali e patrimonio artistico legato al territorio", che gode del patrocinio del Comune di Canosa di Puglia.
Al tavolo dei relatori, con l'obiettivo di coinvolgere attori pubblici e privati nelle attività di pianificazione della gestione dei beni artistici e architettonici del territorio, siederanno i rappresentanti dei sei comuni del GAL Murgia Più (Canosa di Puglia, Gravina in Puglia, Minervino Murge, Poggiorsini, Ruvo di Puglia e Spinazzola), i principali operatori culturali privati, i rappresentanti della Soprintendenza per i Beni Storici Artistici ed Etnoantropologici della Puglia e Regione, che valuteranno la fattibilità o si faranno promotori di progetti di valorizzazione di beni culturali materiali e immateriali da inserire nel prossimo Piano di Sviluppo Locale del GAL Murgia Più.
Obiettivo dell'incontro è quello di tracciare le linee guida per un percorso unidirezionale e condiviso di tutela e valorizzazione dell'intero sistema di beni culturali dell'Alta Murgia, con attenzione alla specificità territoriale e in una logica di attrazione turistica.
Gli Stati Generali della Murgia proseguiranno a settembre, per parlare di turismo sostenibile (Minervino Murge), tutela del paesaggio (Ruvo di Puglia), sviluppo e innovazione dei sistemi produttivi locali (Gravina in Puglia) e inclusione sociale (Spinazzola).

 

Condividi su Facebook