Loading...

News

Fondazione Archeologica Canosina
Home / News / Canosa, “La città degli ipogei”: itinerario tra le tombe daunie e i loro preziosi corredi funebri.

Canosa, “La città degli ipogei”: itinerario tra le tombe daunie e i loro preziosi corredi funebri.

07/12/2017
  • Canosa, “La città degli ipogei”: itinerario tra le tombe daunie e i loro preziosi corredi funebri.

Il 10 dicembre 2017, a Canosa di Puglia (BT), ritorna il percorso monotematico alla scoperta di Canosa daunia-ellenistica: “LA CITTÀ DEGLI IPOGEI”. L’evento rientra nell'ambito della rassegna "Natale in…Archeologia 2017", realizzata dalla Fondazione Archeologica Canosina Onlus e della Società Cooperativa Dròmos.it, con il patrocinio del Comune di Canosa di Puglia.

L'itinerario è un'affascinante esplorazione del sottosuolo della città e dei tesori che nascondeva: gli ipogei e i corredi funerari. Gli ipogei sono le dimore ultraterrene dei cosiddetti "principi dauni", tombe interamente scavate nel tufo e risalenti al IV-III sec. a.C. Dagli ipogei provengono straordinari vasi, ori, armi, oggi, in parte, al Museo Archeologico di Palazzo Sinesi e al Museo Civico di Palazzo Iliceto. I siti di interesse saranno: 

  • Ipogei Lagrasta (IV-I sec. a.C.), il più importante complesso funerario di Canusium e dell'intera regione, composto da Nove ambienti, tra camere e vestiboli, che si diramano formando una pianta a croce latina. In una delle camere fu rinvenuta nel 1843 l'iscrizione latina :"Medella figlia di Dasmo, fu sepolta il 28 dicembre del 67 a.C. sotto il consolato di C. Pisone e M. Acilio" a testimonianza dell’uso della tomba fino al I sec.d.C.;
    • l'Ipogeo D'Ambra (IV-III sec. a.C.), databile tra la fine del IV e l’inizio del III sec. a.C., presenta al termine del dròmos una piccola porta dorica di ingresso, inquadrata in una decorazione a rilievo (due paraste laterali, architrave e timpano) scolpita nella roccia, con labili tracce di intonaci colorati;
    • l’Ipogeo Varrese (IV sec. a.C.), tra i più famosi ipogei presenti sul territorio, durante il suo ritrovamento, nel 1912, diede luce ad un maestoso corredo di ceramiche di oltre 400 vasi;
    • l'Ipogeo di Vico San Martino (V-I sec. a.C.), complesso funerario con diverse tipologie di ambienti e ricchissimo di reperti al momento della sua scoperta.

Per tutti coloro che desiderano prendere parte ai percorsi guidati l'appuntamento è alle ore 10.00 e alle ore 15.30, in viale 1° Maggio (di fronte Comando della Polizia Municipale), da dove poi comincerà l'itinerario.

 Per ulteriori informazioni e per la prenotazione obbligatoria, si rimanda all'utenza 333 8856300.

Per ulteriori curiosità rimandiamo al nostro sito www.canusium.it e alle nostre pagine FacebookFondazione Archeologica Canosina(https://www.facebook.com/canusium.it/)  e Società Cooperativa Dromos.it.( https://www.facebook.com/Dromos.it/ ). Vi invitiamo a seguirci su Instagram (fac_canusium) e a recensire i nostri siti presenti su TripAdvisor.

 

Ilenia Pontino