Loading...

News

Fondazione Archeologica Canosina
Home / News / Ecco i vincitori della prima edizione di "SE HAI TUFO COSTRUISCI"

Ecco i vincitori della prima edizione di "SE HAI TUFO COSTRUISCI"

19/04/2016
  • Ecco i vincitori della prima edizione di

Ecco i vincitori della prima edizione dell’estemporanea di scultura su tufo

 

Raffaele Quagliarella, Michele Morra e Immacolata Di Muro sono i tre vincitori della prima edizione del concorso “Se hai tufo costruisci”, l’estemporanea di scultura che si è svolta a Canosa, nel parco archeologico “San Giovanni”, venerdì 15, sabato 16 e domenica 17 aprile.

 

Tre belle giornate in cui sterili blocchi di tufo hanno preso forma, fino a diventare sculture e opere d’arte, sotto gli occhi dei visitatori e degli alunni delle scolaresche di Canosa.  Dodici concorrenti si sono sfidati, armati di scalpello e martello, al primo concorso di questo tipo, nato su iniziativa dell’Assessorato al Turismo del Comune di Canosa che l’ha finanziato e bandito dalla “Fondazione archeologica canosina” (Fac), con il patrocinio del Comune di Canosa di Puglia.

 

Alla premiazione sono intervenuti il sindaco Ernesto La Salvia, il vicesindaco, Leonardo Piscitelli, l’assessore al Turismo, Maddalena Malcangio, l’assessore alla Cultura e Archeologia, Sabino Facciolongo il presidente della Fondazione Archeologica Canosina, Sabino Silvestri, e la giuria al completo, composta da esperti del settore e autorità scelti dalla Fac.

 

''Mi complimento con  tutti i partecipanti – ha dichiarato l’assessora Malcangio - che hanno messo a disposizione le proprie capacità artistiche a beneficio della collettività: hanno contribuito alla valorizzazione dell’artigianato millenario di Canosa e delle sue bellezze storico-paesaggistiche. I canosini hanno ereditato dagli avi questa dote artistica legata alla scultura, ma anche alla lavorazione delle pietre e dell’argilla, e soprattutto alle produzioni vascolari, famosissime, oggi esposte ed ammirate in tutto il mondo. Invito quindi gli artisti canosini a mettercela tutta per ridare nuova linfa all’artigianato e all’arte del nostro territorio, partendo dalle nostre radici e da ciò che la nostra terra possiede, per creare, in chiave innovativa, un nuovo modo di fare artigianato, favorendo occupazione e nel contempo il turismo'.

 

La giuria, che ha valutato i manufatti, era composta da Giusy Caroppo, storico dell'arte, Alfredo De Biase, direttore di Palazzo Sinesi e Castel del Monte,il pittore Bonaventura Maniello, docente di “storia dell'arte”, Pasquale Patruno, esperto di tradizioni locali e di vernacolo canosino, oltre che dall’assessoraMaddalena Malcangioe dal presidente della Fac, Sabino Silvestri.

Le sculture vincitrici rappresentano il busto di san Sabino, santo patrono di Canosa (primo classificato, di Raffaele Quagliarella), il mausoleo di Boemondo d’Altavilla (secondo classificato, di Michele Morra), l’immagine di un rudere del Castello di Canosa, con accanto un’anfora e un grappolo d’uva (terzo classificato, di Immacolata Di Muro).

 

 

 

1’ classificato: busto di “San Sabino”, di Raffaele Quagliarella

2’ classificato: il “mausoleo di Boemondo d’Altavilla” di Michele Morra

3’ classificato: “Castello, con accanto un’anfora e un grappolo d’uva”, di Immacolata Di Muro

 

Tra tutte le opere realizzate, le prime tre hanno ricevuto un premio in denaro (1° classificato - € 300,00; 2° classificato - € 200,00, 3° classificato - € 100,00), mentre le altre novehanno ricevuto l’attestato di partecipazione e una tessera annuale della Fondazione Archeologica Canosina.

Le opere realizzate che, come da regolamento, rappresentano il territorio di Canosa, verranno depositate in luoghi di proprietà comunali o nelle aree archeologiche canosine di maggior importanza e porteranno il nome dell’artista.